Echi dalla Giornata Mondiale del commercio equo 2019

13 giugno 2019

Echi dalla Giornata Mondiale del commercio equo

Questo mese abbiamo cambiato il mondo (un po’) localmente insieme! Grazie mille a tutte le persone impegnate. Abbiamo lavorato per una maggiore giustizia ed equità nel mondo, e possiamo ripercorrere con entusiasmo e soddisfazione quanto raggiunto.

Da Faido a Mendrisio, passando da Biasca, Locarno, Bellinzona e Tesserete (Capriasca), ci si è sbizzarriti con gli abbinamenti più disparati: formaggi di capra e quinoa, polenta e salse al gusto esotico, come anche birre locali e snack del commercio equo. In altri Cantoni, numerose degustazioni di prodotti equi e regionali, bancarelle al mercato, scambi di vestiti, tavole rotonde, pasti in comune, attività con le classi scolastiche e i media hanno richiamato l’attenzione sul commercio equo e sul consumo sostenibile. Ogni attività ha contribuito ad avvicinare persone che finora non si erano molto preoccupate di quest’argomento. Sono piccoli passi che dimostrano che il cambiamento è possibile non solo nella città come Carouge, Berna o Bellinzona, ma anche in paesi di montagna dell’Oberland bernese.

Guardare la galleria fotografica:

Altre notizie

Richieste alla Conferenza ONU sui cambiamenti climatici

Il movimento globale del Commercio Equo e Solidale sollecita le Parti della UNFCCC a riconoscere politiche e pratiche commerciali eque in quanto importanti componenti delle strategie di mitigazione e adattamento climatici.

Fatturato Fair Trade alle stelle

L’anno scorso, il fatturato di prodotti del commercio equo è nuovamente aumentato in Svizzera.

I piccoli produttori del Sud tra i più colpiti dai cambiamenti climatici

Richieste del movimento internazionale del commercio equo e solidale al COP24