Echi dalla Giornata Mondiale del commercio equo 2019

13 giugno 2019

Echi dalla Giornata Mondiale del commercio equo

Questo mese abbiamo cambiato il mondo (un po’) localmente insieme! Grazie mille a tutte le persone impegnate. Abbiamo lavorato per una maggiore giustizia ed equità nel mondo, e possiamo ripercorrere con entusiasmo e soddisfazione quanto raggiunto.

Da Faido a Mendrisio, passando da Biasca, Locarno, Bellinzona e Tesserete (Capriasca), ci si è sbizzarriti con gli abbinamenti più disparati: formaggi di capra e quinoa, polenta e salse al gusto esotico, come anche birre locali e snack del commercio equo. In altri Cantoni, numerose degustazioni di prodotti equi e regionali, bancarelle al mercato, scambi di vestiti, tavole rotonde, pasti in comune, attività con le classi scolastiche e i media hanno richiamato l’attenzione sul commercio equo e sul consumo sostenibile. Ogni attività ha contribuito ad avvicinare persone che finora non si erano molto preoccupate di quest’argomento. Sono piccoli passi che dimostrano che il cambiamento è possibile non solo nella città come Carouge, Berna o Bellinzona, ma anche in paesi di montagna dell’Oberland bernese.

Guardare la galleria fotografica:

Altre notizie

Fatturato Fair Trade alle stelle

L’anno scorso, il fatturato di prodotti del commercio equo è nuovamente aumentato in Svizzera.

I piccoli produttori del Sud tra i più colpiti dai cambiamenti climatici

Richieste del movimento internazionale del commercio equo e solidale al COP24

Capriasca, prima Fair Trade Town della Svizzera italiana

Il 16 giugno, il comune di Capriasca diventerà Fair Trade Town. Sarà il primo della Svizzera italiana ad ottenere questa distinzione che convalida il suo sostegno attivo ad un consumo equo e responsabile.