Richieste alla Conferenza ONU sui cambiamenti climatici

28. Novembre 2019

Non c’è resilienza climatica senza giustizia nel commercio

 

Gli incendi della Foresta Amazzonica e le manifestazioni nelle piazze di tutto il mondo scatenate dal degrado ambientale, insieme agli scioperi mondiali dei Fridays for Future, hanno portato alla luce l’emergenza della crisi climatica di fronte alla 25esima Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC), COP25.

Al centro della crisi, i piccoli agricoltori si trovano a combattere sempre di più con le siccità, le inondazioni e gli imprevedibili cambiamenti del clima che causano un abbandono dei campi.Gli impatti ambientali, economici e sociali del cambiamento climatico colpiscono in particolare coloro che meno hanno contribuito al cambiamento climatico: i piccoli agricoltori e la popolazione rurale del Sud del mondo.

Un’azione urgente, concreta e ambiziosa è ora necessaria per rimediare ai rischi della sicurezza alimentare che minacciano il raggiungimento degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDG).

Il movimento globale del Commercio Equo e Solidale sollecita le Parti della UNFCCC a riconoscere politiche e pratiche commerciali eque in quanto importanti componenti delle strategie di mitigazione e adattamento climatici. E’ urgente investire nella fondamentale transizione sociale e agroecologica dei nostri modelli di produzione e consumo modificando gli scambi commerciali nell’ottica di una nuova economia basata sulla giustizia economica e sociale.

Qui troverete ulteriori informazioni e le nostre richieste.

 

Weitere Beiträge

Fatturato Fair Trade alle stelle

L’anno scorso, il fatturato di prodotti del commercio equo è nuovamente aumentato in Svizzera.

Echi dalla Giornata Mondiale del commercio equo 2019

Impressioni della giornata del commercio equo 2019

I piccoli produttori del Sud tra i più colpiti dai cambiamenti climatici

Richieste del movimento internazionale del commercio equo e solidale al COP24

Capriasca, prima Fair Trade Town della Svizzera italiana

Il 16 giugno, il comune di Capriasca diventerà Fair Trade Town. Sarà il primo della Svizzera italiana ad ottenere questa distinzione che convalida il suo sostegno attivo ad un consumo equo e responsabile.